FANDOM


Wip1 ▼Questa pagina è in costruzione.▼ Wip1


27px-Nota disambigua.svg
Disambiguazione – Se stai cercando altre pagine correlate a "Genio", vedi qui.



Il Genio della Lampada (ジーニー, Jīnī in giapponese, Genie in inglese) è una delle specie di monster girl di Monster Girl Encyclopedia, creata da Kenkou Cross, e rilasciata il 25 novembre 2008 sul sito ufficiale dell'autore[1], e il 26 ottobre dello stesso anno su Twitter[2], su Enty[3] e su Patreon[4]. Appartiene alla Famiglia degli Spiriti, Tipo Elementale. Il suo numero identificativo è sconosciuto, ma è la 214ª monster girl rilasciata sul sito ufficiale di Kenkou Cross. Da non confondere con la specie dei Genii delle Giare.

Un Genio della Lampada sposato ha collaborato con lo studioso errante per le ricerche sulle monster girls di questi.

Voce dall'Encyclopedia

Spiriti che vivono all'interno di sacri tesori chiamati "lampade magiche". Si suppone che siano stati precedentemente creati per mano del Dio Sole e dati ai re del deserto. Normalmente dormono nelle loro lampade, ma quando un uomo umano sfrega la lampada, appaiono accompagnati dal fumo. Si dice che siano in grado di esaudire i desideri di colui che li convoca con un potere magico che può persino dirsi onnipotente. Questi esseri erano originariamente formati dal mana del Dio Sole. Non era di loro uso comportarsi come mostri, ma quando i re del deserto divennero mostri, anche loro si trasformarono in mostri, come conseguenza della loro influenza.

Essendo dei tesori sacri, molto della loro stessa esistenza è una formula magica onnipotente, e possono causare ogni sorta di miracoli usando il loro corpo. Tuttavia, l'uso di quel vasto potere è vincolato da tutti i tipi di contratti per il sostentamento e il controllo, e non possono utilizzare il loro potere nella sua massima estensione a meno che non sia nella forma di concedere i desideri a colui che li ha convocati. Inoltre, l'uso di quel potere richiede che una quantità di mana adeguata al fenomeno da verificarsi sia versata nel loro corpo, che è come un recipiente che accumula mana. Essendo dei mostri, reintegrano il loro mana ottenendo l'essenza, cioè facendo sesso con gli uomini. In altre parole, è assolutamente necessario che l'evocatore faccia sesso con loro per ottenere i suoi desideri. Più grande è il desiderio, più devono copulare e più essenza lui deve riversare dentro di loro. Per esempio, se uno desiderava "l'immortalità", allora finiva per dover passare l'intera sua infinita vita a riversare continuamente l'essenza dentro di loro, spendendo un'eternità consumata dal sesso e dal piacere.

I loro corpi sono fatti per il gusto di avere il mana versato dentro essi, quindi quando vi si versa dentro il mana, cioè quando si eiacula dentro la vagina, il piacere che guadagna l'uomo è aumentato, e la lunghezza dell'eiaculazione viene tratta fuori. Questo si estende anche all'eiaculazione orale e allo scambio di saliva.

Ogni volta che un uomo fa sesso con un Genio per esprimere un desiderio, rimane affascinato dall'atto di versare mana dentro di lei, e finirà per rimanere affascinato dal Genio stesso. Alla fine, finirà col desiderare il sesso con lei e le eiaculazioni necessarie per concedere un desiderio anche più del suo desiderio originale. Si dice che alla fine il suo desiderio sarà "farla sua per sempre".

Inoltre, i contratti che li legavano si sono indeboliti quando divennero dei mostri. Fondamentalmente, concedono i desideri al proprio convocatore in base ai contratti, ma se a loro non piace il desiderio, possono chiedere molto più sesso di quanto sia effettivamente necessario, e proponendo ancora più piacere, seducono l'uomo e cercano di portare lui a spendere il mana accumulato per un altro desiderio. In questo modo, il mostro in cui sono diventate fa emergere la natura selvaggia e stravagante che è la loro vera natura e non sono assolutamente obbedienti al loro padrone. In realtà, i desideri non possono essere concessi senza il loro consenso.

In più, le lampade magiche sono oggetti magici che raccolgono continuamente mana dai dintorni per mantenere l'esistenza del Genio. Una volta acquisita una fonte permanente di mana di qualità superiore, cioè un marito, non è più necessaria. Si dice che quando vengono liberati dai vincoli della lampada, vengono rilasciati da vari contratti e non hanno più bisogno di obbedire al loro padrone e di esaudire i desideri. Tuttavia, una volta libero e agendo secondo il proprio desiderio, un Genio amerà suo marito e probabilmente cercherà di concedere i desideri del suo amato marito di conseguenza, ma il costo sarà "sesso infinito tanto quanto lei desidera" invece di "abbastanza sesso che basti a coprire il costo dell'incantesimo".

Spirits that dwell within sacred treasures called "magic lamps". It is supposed that they were formerly created at the hands of the Sun God, and given to the desert kings. They normally sleep in their lamps, but when a human man rubs the lamp, they appear along with smoke. They are said to be able to grant the wishes of the one who summons them with magical power that can even be said to be almighty. These beings were originally formed from the Sun God's mana. They didn't use to be monsters, but when the desert kings became monsters, they changed into monsters too, as a result of their influence.

Being sacred treasures, their very existence itself is an almighty spell formula, and they can cause all sorts of miracles using their body. However, the use of that vast power is bound by all sorts of contracts for maintenance and control, and they can't utilize their power to its maximum extent unless it's in the form of granting wishes for the one who summoned them. Additionally, the use of that power requires that an amount of mana suitable enough for the phenomenon that is to occur be poured into their body, which is a vessel that accumulates mana. Being monsters, they replenish their mana by obtaining essence, i.e., by having sex with men. In other words, it's absolutely necessary for the summoner to have sex with them in order to have his wishes granted. The bigger the wish, the more they must copulate, and the more essence he must pour inside them. For example, if one were to wish for "immortality", then he would end up having to spend the entirety of his endless life continuously pouring essence inside them, spending an eternity consumed by sex and pleasure.

Their bodies are made for the sake of having mana poured inside, so when pouring mana inside, i.e. when ejaculating inside the vagina, the pleasure the man gains is increased, and the length of the ejaculation is drawn out. This extends also to oral ejaculation and saliva swapping.

Each time a man has sex with a Genie to have a wish granted, he becomes enthralled with the act of pouring mana inside her, and will end up becoming enthralled with the Genie herself. Eventually, he'll wind up craving the sex with her and ejaculations necessary for granting a wish even more than his original wish. It is said that finally, his wish will be "to make her his forever."

Furthermore, the contracts binding them were weakened when they became monsters. Basically, they grant wishes to their summoner in accordance with the contracts, but if they don't like the wish, they may demand far more sex than is actually needed, and by proposing even more pleasure, they seduce the man and try to get him to spend the accumulated mana on another wish. In this manner, having become a monster makes the wild and whimsical personality which is their true nature rise to the surface, and they are not absolutely obedient to their master. In actuality, wishes cannot be granted without their consent.

Also, the magic lamps are magic items that continuously collect mana from the surroundings to maintain the Genie's existence. Once they acquire a permanent source of higher quality mana, i.e. a husband, it is no longer needed. It's said that when freed from the lamp's bindings, they are also released from various contracts, and they no longer need to obey their master and grant wishes. However, once free and acting according to her own desire, a Genie will love her husband, and probably try to grant her beloved husband's wishes accordingly, but the cost will be "endless sex as much as she desires" instead of "enough sex to just cover the cost of the spell".

Kanji
Per il testo in kanji, cliccare qui.


Romaji

○`Mahōnoranpu' to yoba reru jingi ni yadoru seireideari, katsute Taiyō no Kami no te ni yori tsukuridasa re, sabaku no ō ni atae rareta to sa rete iru.
Fudan wa ranpu no naka de nemutte ori, ranpu o ningen no dansei ga suru to kemuri to tomoni araware, ban'nō-tomo ieru mahō no chikara de yobidashita mono no negai o kanaeru to iu.
Gen wa Taiyō no Kami no maryoku ni yori katachidzukura reta sonzaideari, mamonode wa nakattaga, sabaku no ō ga mamono to natta eikyō de kanojo-tachi mo tomoni mamono e to kawatte iru.

Jingidearu kanojo-tachi wa, sonzai sonomono ga ban'nō no mahō no jutsushikideari, sono mi o motte arayuru kiseki o okosu koto ga dekiru.
Tadashi, sono kyōdaina chikara wa iji to seigyo no tame no arayuru keiyaku ni shibarare, yobidashita mono no nozomi o kanaeru to iu katachidenakereba saidaigen no chikara o hakki suru koto wa dekinai.
Kuwaete, sono chikara o tsukau tame ni wa, maryoku o takuwaeru utsuwadearu kanojo-tachi no nikutai ni, hikiokosu jishō no ōki-sa ni sōō suru maryoku o sosoganakereba naranai.
Mamonodearu kanojo-tachi no maryoku no hokyū wa sei o eru koto, sunawachi dansei to no seikō ni yori okonawa reru.
Tsumari, negai o kanaete morau tame ni wa, yobidashita mono ga kanarazu kanojo-tachi to majiwaru hitsuyō ga ari, negai ga ōkikereba kurikaeshi karada o kasanete tairyō no sei o kanojo-tachi no naka e to sosoganakereba naranai.
Karini `furōfushi' o negaou mononaraba, owaru koto nai isshō o kakete kanojo-tachi ni sei o sosogi tsudzuke, majiwari to kairaku ni nureta eien o sugosu koto to narudarou.
Maryoku o sosogu tame ni tsukura reta kanojo-tachi no nikutai wa, maryoku o sosogu kōi, sunawachi chitsu-nai e no shasei no sai ni dansei ga eru kairaku o takame, katsu shasei o nagabika seru yō ni natte iru.
Sore wa kōnai e no shasei ya daeki no kōkan ni mo oyobi, negai o kanaeru tame majiwaru tabi ni, dansei wa sei o sosogu kōi no toriko ni nari kanojo-tachi no sonzai ni oboreru koto to naru.
Yagate wa tōsho no negai yori mo, sonotame ni hitsuyōna kanojo-tachi to no majiwari to shasei o nozomu yō ni nari, saishūtekini wa `kanojo-tachi o eien ni onore no mono to suru koto' o kanojo-tachi ni negau noda to iu.

Nao, kanojo-tachi o shibaru keiyaku wa mamono to natta koto de yowamatte iru.
Kihontekini wa keiyaku ni nottori, yobidashita mono o shujin to shite negai o kanaeruga, negai no naiyō ga kiniiranai baai wa, honrai hitsuyōna-bun yori mo haruka ni ōku no majiwari o yōkyū shi tari, saranaru kairaku no teian de dansei o yūwaku shi, tameta maryoku o betsu no negai de shōhi sa seyou to suru.
Kono tōri, mamono to naru koto de honshitsudearu kimagure de honpōna seikaku o hyōshutsu sa seta kanojo-tachi wa shujin ni zettai fukujūde wa naku, jisshitsu-teki ni wa kanojo-tachi no gōi ga nakereba negai o kanaeru koto wa dekinai nodearu.
Mata, mahōnoranpu wa kanojo-tachi no sonzai o iji suru tame ni shūi no maryoku o shūshū shi tsudzukeru mahō dōgudearu.
Yori tachinoyoi maryoku o kōjō-teki ni sesshu suru shudan, sunawachi otto o teniireta-go ni wa fuyō to nari, kanojo-tachi wa ranpu no kōsoku to tomoni samazamana keiyaku kara mo kaihō sa re, shujin ni shitagatte negai o kanaeru hitsuyō mo nakunaru noda to iu.
Daga, jiyū to nari yokubō no mama ni kōdō suru kanojo-tachi wa, yokubō no mama ni otto o aishi, yokubō no mama ni aisuru otto no negai o kanaeyou to suru kotodarou.
Tadashi, sono daishō wa `mahō ni hitsuyōna dake no majiwari'de wa naku,`kanojo-tachi ga nozomuga mama hoshigaru ga mama no saigen nai majiwari' to naru nodearu.

Origine e Nome

Origine

Albert-Letchford-Aladdin-Genie

Questa monster girl è ispirata ai Jinn, creature presenti nella religione preislamica e musulmana, citate nel Corano. Secondo l'ottica islamica e musulmana, sono entità sovrannaturali intermedie tra il mondo angelico e a quello umano, create origonariamente da Allah come per tutti gli esseri viventi fin dall'inizio dei tempi. A differenza degli umani e degli angeli (originati rispettivamente da terra e luce), essi sono stati originati dal fuoco, seppure esistono una multitudine di Jinn diversi tra loro per aspetto, comportamenti e poteri anche di altri elementi (Ghoul, ʿIfrīt, Siʿla, Qutrūba, Mārid, Mārij, ʿĀmir)

La monster girl, oltre a condividere l'origine divina, è ispirata direttamente ai Jinn legati alla favolistica, che al di fuori della cultura islamica vengono definiti Genii (o arbitrariamente Goblin o Folletto), in particolare nella raccolta delle favole medio orientali note come Le mille e una notte, dove in due storie vengono presentati degli esempi di Genii.

Nome

Poteri e abilità

Il Genio della Lampada prima del cambiamento

Specie principale

Genii delle Lampade conosciuti

Media

Note di Kenkou Cross

Galleria

Clicca sulle immagini per ingrandirle.

Clicca sulle immagini per ingrandirle.

Fan Artwork

Clicca sulle immagini per ingrandirle.

Clicca sulle immagini per ingrandirle.

Clicca sulle immagini per ingrandirle.

Clicca sulle immagini per ingrandirle.

Confronti

Trivia

Note e collegamenti

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.